Sito ufficiale della FIM-CISL di Frosinone

LA STAGIONE DEI PAPAVERI (L’ANNO CHE VERRÀ)

IMG-20181117-WA0003

Chissà quante volte ad ognuno di noi è capitato di soffermarsi sulle distese rosse che macchiano le campagne nelle prime giornate di caldo estivo.

Chiazze colorate e irregolari che sembrano chiamare i nostri occhi per far loro compagnia e per restare qualche istante in quei campi assolati.

Il papavero è così, accende i prati abbandonati, gli argini delle strade, i terreni incolti.

Nasce spontaneamente, ma ci accorgiamo della sua presenza solo qualche tempo dopo la sua fioritura.

Da un piccolo seme forma delle foglie erette e da qui si levano i fusti fioriferi ai quali inizialmente non prestiamo attenzione.

Spuntano dappertutto nel disordine, strani fiori, pochissimi petali e quel colore che non si dimentica, esili come carta velina, ma resistenti al sole e al vento.

L’umiltà e la resistenza del papavero devono essere le stesse di quelle donne e quegli uomini che nel sindacato anelano a nuove conquiste nel lavoro e nel sociale,

che pretendono di cambiare le cose, pur sapendo di avere inizialmente poche possibilità di riuscita, ma che sprigionano dai loro cuori l’energia e la speranza di

scavalcare i muri più alti, anche se questo può comportare ferite dolorose da lenire.

La forza di volontà per affrontare nuove sfide la possiamo ritrovare nella sua essenza più pura nelle parole di don Milani nella Lettera a una professoressa:

«Tu conosci trecento parole, il tuo padrone tremila. Anche per questo è il tuo padrone».

Non dobbiamo dunque accontentarci degli obiettivi già raggiunti, seppur soddisfacenti, ma assumerci la responsabilità di difenderci nella consapevolezza di

conquistarne di nuovi e più ambiziosi.

Buon Anno e Buon Sindacato a tutti dalla FIM CISL di Frosinone!

                                                      Leopoldo Daniele

                                       (RSA e CG Fim Cisl di Frosinone)